Il presepe e la benedizione pasquale a scuola

Che bello, i social network!
Anche se non dobbiamo mai dimenticare che gli studiosi mettono giustamente in guardia dai rischi connessi all’uso che se ne fa, è però un fatto che – accanto a tanta zavorra – essi offrono comunque l’opportunità di dibattere “a distanza” con gli amici, anche virtuali, gli argomenti che più ci appassionano.
Ancora una volta, tutto dipende dall’impiego che si fa dei vari mezzi di comunicazione, compresi quelli disponibili sul web.

Ed ecco, dunque, che prima delle festività del Natale dell’anno scorso, discutendo con alcuni amici su Facebook, mi capita di sostenere che per affrontare la problematica del presepe a scuola, prima di imbarcarsi in dibattiti oziosi, sarebbe auspicabile preliminarmente – per questione di metodo – approfondire i temi “stato laico” e “stato confessionale”.

Il secondo passaggio sarebbe decidere se si è per lo stato laico o per lo stato confessionale.

Poi occorrerebbe compiere un esame della situazione in Italia (terzo passaggio).

Finalmente – sostenevo – dopo aver studiato per almeno un anno, si potrebbe cominciare a discutere nel merito!

Oppure, rischiamo di proporre argomentazioni simili a quelle cervellotiche espresse dal Ministro Giannini sul Presepe, non capendo il Ministro stesso le incomprensibili parole che pronunciò in quella occasione.

Il caso del Dirigente Scolastico Reggente – e cosa e quanto ha dovuto “reggere”, il malcapitato – esposto al pubblico ludibrio soprattutto dai politici nei mesi scorsi per la questione dei canti di Natale fu a lungo dibattuto con argomentazioni strumentali che certamente non giovarono ad un esame sereno ed approfondito del tema.
In tale circostanza assistemmo in televisione alla vergognosa sceneggiata di un ex-Ministro dell’Istruzione che, evidentemente a corto di cultura e di argomenti, provocatoriamente intonava – si fa per dire – “Tu scendi dalle stelle” davanti alla Scuola di Rozzano.

… … …
E dopo il Natale è arrivata la Pasqua.
… … …

Un recente interessantissimo articolo del Prof. Giovanni Cimbalo, Ordinario di Diritto Ecclesiastico alla Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, a proposito di un’articolata sentenza del TAR Emilia Romagna interviene a dare un significativo contributo alla discussione.

Ho deciso, allora, di dare spazio integrale a questo contributo. Scrive, dunque, il Prof. Cimbalo:

“La sentenza del Tar dell’Emilia Romagna che vieta l’effettuazione del rito della benedizione pasquale nei locali scolastici è estremamente equilibrata e distingue meglio di quanto abbiano saputo fare politici interessati, dirigenti scolastici, docenti e religiosi, tra conoscenza del fatto religioso e partecipazione al rito, ovvero a un atto devozionale che nelle intenzioni di chi lo compie intende porre un luogo sotto la protezione di un Dio, mediante atti conseguenti (la preghiera e gli atti rituali), finalizzati ad intercedere per ottenere la protezione della divinità.
Considerare la benedizione pasquale una mera tradizione ne sminuisce il significato e non concorre a coglierne la portata e l’importanza religiosa: chi lo fa banalizza e offende questo rito così importante per chi crede, in quanto marca il territorio, delimita uno spazio posto sotto la protezione del Dio dei cattolici.

A scuola si può parlare delle zeppole o delle uova dipinte, o della coltivazione e realizzazione dei sepolcri, ma non si possono porre queste attività ludico-gastronomiche o evocative di antiche festività e eventi dell’avvicinarsi della primavera – assorbite dalla tradizione religiosa cattolica e già frutto di religioni precedenti – assimilandole a un atto rituale come la benedizione che coinvolge i ministri di culto e i fedeli nella celebrazione di un atto devozionale.

I giudici hanno dimostrato di saper cogliere questa differenza che sfugge invece a dirigenti scolastici di evidente poca cultura religiosa, a politici a caccia di voti dell’elettorato più tradizionale e a prelati interessati a mantenere il controllo sul territorio e a tutti coloro che fanno della religione un “marcatore culturale” atto a affermare la propria appartenenza e identità.

Il confronto e il dialogo interreligioso, come quello con i non credenti, si svolge sul piano culturale e non sul terreno del rito e della pratica di culto, ridotta da chi vuole imporla e elemento folcloristico, depauperato di ogni significato religioso e devozionale, se non quello formale. Eppure la religiosità, la preghiera e la fede di tutto hanno bisogno fuorché di esibizioni forzate! La propaganda del culto si fa con la predicazione, con l’apostolato e con le azioni di carità e non con le esibizioni di malsane abitudini, come ad esempio la benedizione degli autoveicoli che notoriamente non hanno un’anima!

Consapevoli di ciò i giudici amministrativi hanno ricordato che il principio di laicità esige che la scuola sia luogo di cultura e di confronto tra le differenti appartenenze religiose, che anzi si faccia carico di affrontare queste tematiche con il metodo che gli è proprio e cioè il contraddittorio e il confronto tra le diverse opzioni. Il rito invece è esecuzione univoca, unilaterale, indiscutibile di un atto devozionale che o si condivide o non si condivide.
Certo l’efficacia di questa sentenza è limitata al caso specifico, ma è l’art. 19 della Costituzione che disciplina il diritto di celebrare il culto e di farne propaganda. E questa è norma generale che deve essere applicata e da tutti rispettata. Non solo: sono le stesse norme concordatarie che disciplinano la presenza della religione nella scuola che all’art. 9 del Concordato stabiliscono che l’insegnamento della religione deve avvenire come fatto culturale e non rituale. Altrettanto fanno le intese con le diverse confessioni le quali sanciscono che questo insegnamento non può avere carattere diffuso e quindi avvenire durante le altre attività della scuola.”

Il Prof. Cimbalo non manca di sottolineare che la sentenza indica ciò che occorre per affrontare seriamente il tema:
– buon senso;
– conoscenza della Costituzione, delle leggi, dei Patti con la Chiesa cattolica e con le altre Confessioni;
– rispetto del principio di uguaglianza tra chi crede e non crede e quindi del principio di laicità.

Ancora una volta mi permetto di evidenziare, dunque, quanto illuminate risultino ancora oggi le scelte compiute dagli estensori dei Programmi di Scuola Primaria del 1985, largamente ispirate alla proposizione del confronto interculturale e del dialogo interreligioso.

Non è chi non veda, dunque, come ancora tanta, ma tanta strada sia da percorrere, in Italia, per la realizzazione di una scuola davvero laica.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in PEDAGOGIA, POLITICA, SCUOLA, STORIA, VARIE. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...